Vite in corsa

Expo 2015, il padiglione della società civile non lo vede nessuno. Lettera a Sala

 

Gentilissimo Dr. Sala, siamo i volontari dell’associazione Erika per la Lotta ai Disturbi Alimentari. Esponiamo in Cascina Triulza, il padiglione della società civile in Expo 2015. Per questa presenza abbiamo investito somme per noi rilevanti, e così tante altre organizzazioni non profit.

Il 4 maggio siamo venuti all’inaugurazione e abbiamo visto che il padiglione è molto penalizzato rispetto agli altri: i visitatori non lo vedono, essendo arretrato rispetto al decumano. Inoltre, paradossalmente, sia il nome che l’aspetto del padiglione (un edificio rurale preesistente alla fiera, in muratura, anche molto bello) non richiamano affatto il contenuto! Diverse persone pensavano addirittura che Cascina Triulza indicasse una struttura di servizio o simili.

Se non si rimedia con striscioni o altri richiami evidenti, i visitatori difficilmente arriveranno.

Ci appelliamo dunque alla Sua sensibilità per chiedere a Expo di aiutarci a promuovere Cascina Triulza in situ con azioni che lo rendano più visibile. Se davvero il Terzo Settore è il primo, come ha detto il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi.